Mirtillo selvatico: le proprietà che non conoscevi

Mirtillo selvatico: le proprietà che non conoscevi

La natura ha la capacità di regalare frutti dalle straordinarie proprietà e questo accade anche nel caso del mirtillo selvatico, una pianta della quale si utilizzano davvero moltissime parti.

Il mirtillo, infatti, è conosciuto per le sue tante qualità, sia a livello delle bacche, sia con riferimento alle foglie e alle altre parti della pianta stessa.

Se sei curioso di conoscere come il mirtillo possa aiutare il tuo corpo a stare meglio, continua a leggere questo articolo.

Le proprietà del mirtillo selvatico

Consumare quotidianamente il mirtillo selvatico contribuirà a rinforzare la tua salute.

Innanzitutto, le bacche del mirtillo hanno un grande contenuto di acidi organici, grazie ai quali potrai iniziare a beneficiare della loro azione per aiutare la circolazione e la protezione dei capillari.

Questa viene esplicata anche dalla presenza, sempre nei frutti, dei glucosidi antocianici: bere un bicchiere di succo di mirtillo nero selvatico ti aiuterà, quindi, a sostenere l’elasticità dei tuoi vasi sanguigni, e a contrastare fenomeni come la circolazione rallentata e la sensazione di avere sempre le gambe pesanti, soprattutto in estate.

Il mirtillo nero selvatico, inoltre, contiene moltissime vitamine, come la vitamina A e la vitamina C. Queste ti daranno una mano a prenderti cura della tua salute, del tuo sistema immunitario e a contrastare l’azione dei radicali liberi, che portano all’invecchiamento.

Avrai sicuramente sentito parlare del mirtillo come di un frutto ottimo anche per aiutare la salute degli occhi. Questo è assolutamente vero! Infatti, le antocianine contenute sempre nelle bacche, danno la possibilità di aiutare la rigenerazione della porpora retinica, cioè di quello che è essenzialmente il pigmento della retina.

Questo è fondamentale per rendere la tua visione ottimale, soprattutto in condizioni di scarsa luminosità: un bicchiere di succo di mirtillo nero selvatico ti darà, quindi, anche la possibilità di prenderti cura dei tuoi occhi.

Se sei interessato a ridurre il rischio che il colesterolo ti faccia ammalare, allora dovresti davvero introdurre il mirtillo nella tua dieta! I principi nutritivi contenuti nelle bacche di mirtillo selvatico, aiutano anche a ridurre la formazione delle placche arteriosclerotiche all’interno dei diversi vasi sanguigni.

Questo frutto sarà un alleato della tua salute cardiovascolare e ti consentirà di proteggerti dal rischio di infarto ed ictus.

Il mirtillo nero non ha solamente caratteristiche legate ad un effetto di protezione a lungo termine ma può essere utilizzato come rimedio rapido per alcuni disturbi molto fastidiosi.

Innanzitutto è possibile usarlo come antisettico per trattare i casi di dissenteria di tutta la famiglia e sarà un ottimo rimedio anche nel caso in cui qualcuno soffra di coliche addominali, provocate dalla presenza di aria nell’intestino.

Inserire il mirtillo rosso selvatico nella tua dieta, ti consentirà anche di prevenire l’insorgenza di fastidiosi disturbi urinari, come ad esempio la cistite.


Le proprietà delle altre parti del mirtillo selvatico

Fino ad ora hai potuto apprezzare le proprietà delle bacche di mirtillo selvatico, ottime per la produzione di succhi, estratti e confetture.

Ma del mirtillo non si butta via niente e si possono utilizzare anche tutte le altre parti della pianta.

Le foglie del mirtillo selvatico sono dei veri e propri concentrati di sostanze benefiche: contengono la glucochina, una sostanza grazie alla quale sarà possibile ridurre la quantità di zuccheri presenti nel sangue. L’estratto di foglie di mirtillo sarà molto utile nel caso in cui si soffra di picchi glicemici e si sia predisposti al diabete.

Oltre alle foglie, forse avrai anche sentito parlare dell’utilizzo dei giovani getti del mirtillo. Da questi si ottiene un gemmoderivato, che ha lo scopo di andare a regolare l’intestino. È quindi un valido aiuto per calmare quelle che sono le manifestazioni classiche del colon irritabile oppure la presenza di coliche dolorose.

Uno studio sul mirtillo selvatico

Il mirtillo selvatico è stato indicato anche come alleato nella lotta contro il cancro. Infatti, in uno studio recente, realizzato da un team del New York Botanical Garden, è stato evidenziato come i mirtilli selvatici abbiano proprietà di gran lunga maggiori rispetto a quelli coltivati in serra, soprattutto per il contrasto rispetto ai radicali liberi.

Essi infatti contengono moltissimi flavonoidi, tannini e molti altri acidi fenolici, oltre alle antocianine che, sempre secondo studi recenti, sarebbero in grado di andare a proteggere l’integrità del nostro DNA.

Le proprietà antiossidanti del mirtillo selvatico aiutano quindi a combattere e a prevenire malattie gravi come il cancro, problemi cardiovascolari e tutte le differenti sindromi degenerative.

In generale il mirtillo selvatico potrà essere un valido aiuto non solo per il mantenimento di uno stato ottimale di salute ma anche per stroncare sul nascere i disturbi più insidiosi.

Come assumere il mirtillo selvatico

Ora sai quanto il mirtillo selvatico possa essere in grado di aiutare la tua salute e di sostenerti anche nel contrastare problemi gravi e avrai compreso l’importanza di consumarlo quotidianamente.

Se sei goloso puoi concederti il succo di mirtillo nero selvatico ogni giorno, soprattutto a stomaco vuoto, in modo da dare alle sue sostanze la possibilità di entrare subito in circolo.

Puoi anche assumerlo come decotto oppure come infuso: in questo caso puoi berne una tazza al giorno, in modo da reidratare correttamente il tuo corpo.

Infine per integrare le sostanze benefiche contenute nel mirtillo selvatico, puoi anche richiedere al tuo erborista di prepararti un estratto secco titolato, oppure una tintura madre di mirtillo. Segui le sue indicazioni per conoscere la posologia più adatta per te.

E se vuoi avere sempre a disposizione il mirtillo selvatico per te e per tutta la tua famiglia, ti consigliamo di sfogliare il nostro catalogo.

succo di mirtillo nero selvatico